La mia intervista ad Andrea Pilloni: un fotografo sardo davvero incredibile

Mag 17, 2021 | Amici fotografi

La mia intervista ad Andrea Pilloni. Oggi sono volato virtualmente in Sardegna per andare a conoscere un fotografo davvero incredibile.

Intervista ad Andrea Pilloni
Sa Trona

Bene!!! In un modo o nell’ altro siamo arrivati al quinto appuntamento di questo spazio dedicato ad altri fotografi.

Oggi andremo a conoscere più da vicino il nostro ospite che attraverso questa breve intervista ci farà assaporare un piccolo pezzettino di Sardegna. Entreremo nella sua realtà cercando di capire un pò meglio il suo modo di interpretare la fotografia, così da avere degli ottimi spunti creativi per i nostri scatti.

Sono fermamente convinto infatti che confrontarsi e condividere le proprie esperienze personali sia davvero d’ ispirazione per poter crescere professionalmente. Ora però senza dilungarmi troppo partiamo subito con l’ intervista ad Andrea Pilloni.

Sei curioso di scoprire di chi si tratta? Bene!!! Allora continua a leggere per entrare più da vicino nella sua storia. Ma prima di fare questo ti lascio i link di riferimento della sua pagina Instagram così da andare a dare un’ occhiata anche ad altri suoi capolavori. Ti basterà cliccare qui.

Detto questo si può davvero iniziare.

Come è nata la tua passione per la fotografia?

Intervista ad Andrea Pilloni
Capo Nieddu

La mia passione per la fotografia è scoppiata recentemente; ma da sempre ho avuto tra le mani macchine fotografiche di ogni tipo; dalle usa e getta per le gite scolastiche alle compatte digitali.

Ho sempre scattato un’ infinità di fotografie senza avere però la minima comprensione della tecnica, assolutamente fondamentale per riuscire ad ottenere degli ottimi risultati.

Da 4 anni però mi sto dedicando seriamente a questa grande passione e questo è successo dopo aver rispolverato una vecchia reflex comprata più per sfizio che per necessità. Ho iniziato a dedicarmi soprattutto alla fotografia di paesaggio, cercando di migliorare costantemente nonostante sia completamente autodidatta.

Da allora è stato amore puro, e non ti nego che ho ricevuto tanto anche dal punto di vista personale.

Che posti ci consigli della Sardegna?

Intervista ad Andrea Pilloni
Morgongiori

Come spesso si sente dire, la Sardegna è bella praticamente tutta, ma se mi chiedi di darti delle indicazioni su qualche posto in particolare allora potrei dirti di andare a conoscere l’ entroterra durante il periodo dell’ autunno e dell’ inverno.

Così facendo potrai girare tra piccoli paesi, borghi caratteristici, boschi, cascate, canyon e monumenti naturalistici e storici davvero incredibili. Ti assicuro che c’è da scoprire un mondo.

Tutto questo però senza mai lasciare il mare in disparte. Consiglio di visitare tutta la costa occidentale, ancora poco conosciuta, ma decisamente molto interessante e ricca di storia. E soprattutto preparati a prendere qualche kg!

Qual’ è il tuo sogno nel cassetto?

Ho sempre avuto una particolare attrazione per il Giappone. Adoro la loro cultura, la storia, la mentalità, il fatto di essere molto seri e decisamente perfetti. Inoltre è un isola davvero molto bella. Da fare assolutamente.

Chissà se prima o poi riuscirò a fare questo viaggio fotografico?

Da dove trai ispirazione per le tue fotografie?

Spunti Fotografici. Capo Pecora
Capo Pecora

Dal mio punto di vista l’ispirazione la dobbiamo trovare prima di tutto dentro di noi. Ti dico questo perchè se mi capita di andare a scattare con uno stato d’animo sbagliato è quasi sicuro che porto a casa delle fotografie che non mi comunicano nulla dì ciò che avevo in mente di raccontare.

Quindi ti posso rispondere che cerco di trovare l’ ispirazione dentro di me, così da riuscire a guardare ciò che la natura mi pone davanti con un’ occhio diverso. Se devo esprimere in poche parole questo concetto ti potrei dire calma interiore, godersi il momento e ascoltare la natura.

Consigli per organizzare un tour fotografico in Sardegna?

Masua. Spunti Fotografici.
Masua

La Sardegna vista da fuori ti dà la sensazione di un posto inospitale e chiuso mentalmente, ma ti assicuro che non è assolutamente vero. E’ ovvio però che le eccezioni le trovi ovunque, ma questo può capitare anche da altre parti, non solo in Sardegna.

Anzi!!! Ti posso dire che non è raro trovare persone che ti possono dare una mano; anche appena sbarcati. A me per primo è capitato di incontrare fotografi “d’ oltremare”, sbarcati per la prima volta in Sardegna, a cui ho dato spiegazioni su come raggiungere certi posti.

In ogni modo il consiglio che ti posso dare è quello di contattare direttamente, anche attraverso Instagram, le persone come me che oltre a far foto “pubblicizzano” anche la Regione in cui vivono. Il dopo sarà un susseguirsi di conoscenze e amicizie.

Viaggi di gruppo o in solitaria?

Turri. Spunti Fotografici.
Turri

Tendenzialmente ti posso dire che quando esco per fare fotografie sono da solo e in rari casi in compagnia. Tendo ad isolarmi per cercare la concentrazione e l’ ispirazione interiore.

La fotografia per me è molto spirituale e rappresenta il mio sfogo personale dove cerco di entrare in contatto diretto con la natura. Provo a coglierne i singoli istanti; il rumore del vento, i suoi profumi e l’energia del luogo dove sono.

Però sia chiaro non disdegno nemmeno le uscite meno “serie” e più di compagnia. Insomma!!! Non sono asociale.

Fotografia di paesaggio:quali sono i tuoi consigli?

Rio Salonis. Spunti Fotografici.
Rio Salonis

E’ sempre difficile dare dei consigli, ma dalla mia brevissima esperienza mi sento di dire questo. Di iniziare senza grosse aspettative e di prenderla alla leggera. Allo stesso tempo però sarebbe davvero utile leggere molti libri che trattano argomenti di fotografia, così da aumentare la nostra conoscenza a riguardo.

Inoltre una cosa consigliatissima è quella di andare negli stessi posti per più e più volte cercando di sperimentare inquadrature diverse e provando sempre cose nuove. Anche se può sembrare strano, ogni volta guarderemo quei luoghi in maniera del tutto diversa.

E per finire un’ altra cosa davvero utile sarebbe quella di andare a scattare assieme ad altri fotografi che magari hanno più esperienza di noi. Di sicuro rappresenta un’ ottima scuola per potersi migliorare. Perlomeno io ho fatto così.

I primi tempi saranno davvero duri e le delusioni non mancheranno; ma allo stesso tempo sono sicuro che anche i risultati non tarderanno ad arrivare.

Siamo arrivati ai saluti

Anche quest’ oggi siamo arrivati alla fine di questo spazio/rubrica dedicato ai nostri carissimi amici fotografi. Un ringraziamento doveroso va ad Andrea Pilloni che ha accettato di partecipare a questa breve intervista. Grazie per averci raccontato e fatto conoscere più da vicino questa meravigliosa Regione.

Detto questo ci vediamo alla prossima “puntata”.

E se intanto vuoi iniziare a viaggiare

Itinerario fotografico in Puglia:viaggio on the road nella costa Salentina

Escursione al Monte Nerone: cosa aspettarsi veramente?

Alla scoperta di Portonovo:breve itinerario dei luoghi più iconici

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest