la mia Intervista ad Alberto Missana

da | Amici fotografi

Intervista ad Alberto Missana: conosciamo più da vicino un fotografo non professionista davvero interessante. Ho pensato che potesse essere una cosa molto utile inserire nel blog una persona che si dedica in maniera costante al mondo della fotografia; soprattutto sui social.

Detto questo!!! Se ti va di conoscere più da vicino il nostro amico Alberto allora mettiti comod* e vieni a scoprire cosa ha da dirci.

Prima di continuare però ti volevo parlare di questo spazio esclusivo riservato ad altri fotografi. Sono fermamente convinto che confrontarsi e condividere le proprie esperienze personali sia d’ ispirazione per poter crescere professionalmente. E qui sotto ti lascio anche il link del suo profilo Instagram così da prendere spunto e informazioni pratiche per migliorare la qualità delle tue immagini. E già che ci sono ti lascio anche il link del sito web dell’ Accademia delle Idee.

Ed ora si parte con l’ intervista!!!

Come ti è venuta la passione per la fotografia?

Intervista ad Alberto Missana
Intervista ad Alberto Missana

Fin da ragazzo mi è sempre piaciuto disegnare, non avevo mai posseduto una macchina fotografica e non l’avevo neanche mai cercata. Quando conobbi mia moglie mi capitò di usare la sua macchina a pellicola per documentare le nostre gite e cominciai ad appassionarmi al mondo della fotografia.

Dopo la stampa tagliavo le foto cercando di ottimizzare con le forbici la mia poca competenza nelle inquadrature.

Con il matrimonio, 20 anni fatti ad aprile 2022, arrivò la mia prima digitale e la possibilità di creare delle immagini istantaneamente, senza dover stare per 10 ore a disegnare e tutto questo mi ha rapito.

Devo ammettere che i primi anni ero invasato, nonostante le 2 figlie piccole e la normale routine familiare, dedicavo moltissime energie alla fotografia; in pratica ero sempre con la macchina fotografica in mano.

Quali consigli ci puoi dare per migliorare la tecnica fotografica?

Scegli un’immagine che ti piace e cerca di riprodurla. Incontrerai un mare di problemi non sempre risolvibili con i mezzi a disposizione, la foto non sarà altrettanto bella ma sarà un forte stimolo a migliorare: sapere dove devi arrivare ti chiarisce molto le idee su cosa fare e su come risolvere i problemi.

Qual’ è il genere fotografico che preferisci?

Intervista ad Alberto Missana

Ho sempre trovato un particolare interesse nel raccontare le storie attraverso le immagini, all’inizio creavo gli album di famiglia, poi pian piano questa passione si è evoluta nel cercare delle vere e proprie storie da raccontare. Oggi posso dire che il mio genere fotografico preferito è il reportage, eventi che possono durare un solo giorno o anni, l’importante è riuscire a
superare la mera estetica delle immagini e far passare un messaggio più ampio.

Dove prendi ispirazione?

Intervista ad Alberto Missana
Intervista ad Alberto Missana

Ho due filoni di narrazione: il mio territorio e gli artisti. Per raccontare le storie del Friuli, dove sono nato e vivo, tutto è un input: dal giornale locale alle persone che incontro. Quando cerchi un’auto rossa alla fine vedi solo auto rosse. Da quando guardo il mondo con l’ottica di raccontare nuove storie mi sono accorto che il problema non è riuscire a trovarle ma capire
quale raccontare tra le tantissime disponibili.


Per me è molto più difficile riuscire a trovare gli artisti da ritrarre, anche perché cerco di fotografare solo artisti professionisti il cui lavoro mi piaccia particolarmente. Mi è capitato di conoscere artisti molto famosi all’estero ma che non espongono in Italia, quindi introvabili se non per caso, anche se vivono e lavorano in Friuli. In questo ambito chiedo ai professionisti che conosco di segnalarmi qualcuno che loro ammirano e così via, procedo per passaparola.

Tecnica vs Creatività: cosa ci puoi dire a riguardo?

Intervista ad Alberto Missana

La tecnica è uno strumento; non è un fine ma un mezzo. La tecnica inoltre senza idee è inutile e sterile. Da uno scrittore si pretende che sappia l’italiano ma anche se non possiede una prosa meravigliosa, se le sue storie sono affascinanti, il libro sarà un successo.


Se invece lo scrittore sa scrivere in un italiano fantastico ma la storia che andrà a raccontare sarà banale e scialba, sempre banale e scialba resterà, anche con i fronzoli della retorica. Lo stesso discorso vale per la fotografia. La tecnica è dovuta per riuscire a trasmettere le idee che abbiamo in testa; da sola rappresenta pura estetica, destinata ad un consumo istantaneo e subito sorpassata da una tecnica più stupefacente. Secondo me la tecnica è al servizio della creatività, la creatività è il vero motore della fotografia e delle arti in genere.

Cosa serve per creare delle ottime fotografie?

Credo che ognuno di noi abbia la sua risposta e la mia è la seguente: non accontentarsi. Quando scattiamo una fotografia che ci sembra buona, dobbiamo sempre porci queste domande:
Cosa potrei fare per migliorarla?
E se provo a cambiare l’inquadratura?
Oppure posso scegliere un orario diverso della giornata per cambiare il tipo di luce o aspettare
quell’istante in cui il soggetto girandosi, verrà colpito in viso dalla fonte luminosa?
Mai accontentarsi. Non sempre si riesce a migliorare ogni singola foto ma dopo anni di ricerca i risultati si vedono.

Luce vs Composizione: e se dovessi scegliere?

Tutti vorremmo una luce fantastica e composizioni impeccabili, ma se penso ad una foto con una luce fantastica e una composizione un po’ traballante, la luce riesce sempre a creare la magia e la foto è bella.


Se una foto ha una illuminazione sbagliata, anche se composta perfettamente, rimane sempre sbagliata.
In poche parole: la luce vince sempre.

Anche quest’ oggi siamo arrivati alla fine di questo spazio/rubrica dedicato ai nostri carissimi amici fotografi. Un ringraziamento doveroso va a Luigi Nespeca che ha accettato di partecipare a questa breve intervista.

Detto questo ci vediamo alla prossima “puntata”.

E se intanto vuoi iniziare a programmare

Tour fotografico in Abruzzo da Campo Imperatore al Parco del Sirente e Velino

Spagna on the road: 9 cose da vedere lungo la Costa Blanca

Cosa vedere alle Isole Tremiti: 7 posti assolutamente da fotografare

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pin It on Pinterest