Filtri GND in fotografia:sono davvero indispensabili?

da | Consigli fotografici

In questo articolo proviamo a vedere insieme se i filtri GND sono davvero indispensabili. Quali possono essere i vantaggi in ambito fotografico? Sono davvero necessari o si può fare benissimo anche a meno? Qui in questo articolo cercherò di darti una risposta in base alla mia esperienza personale provando a descrivere in maniera molto semplice ma dettagliata sia i pregi che i difetti di questi filtri, così che tu possa avere le idee molto più chiare di prima. In più nella parte finale dell’ articolo ti andrò anche ad indicare una funzione di Photoshop che a quanto pare sembra che abbia semplificato di molto il lavoro di noi fotografi.

Insomma!!! Le premesse sembrano ottime!!! Quindi senza perdere altro tempo partiamo subito in quarta e andiamo a rispondere ad alcune domande…..

Bene!!! Come ti dicevo prima; in questo articolo ti parlerò soprattutto della mia esperienza personale cercando di descrivere in maniera molto chiara e sincera quali possono essere i pregi e i difetti di questi filtri GND.

Ma prima di continuare andiamo a vedere quali sono…….

Le caratteristiche di questi filtri

Ad oggi possiamo dire che in commercio ne esistono di 4 tipi che ora andremo a vedere insieme.

Filtri GND in fotografia
Filtri GND in fotografia
  • Soft: vengono utilizzati soprattutto per le fotografie di paesaggi montani e collinari dove la differenza tra le zone chiare e scure della scena non è ben definita;
Filtri GND in fotografia
Filtri GND in fotografia
  • Medium: a metà strada tra i filtri GND soft e i filtri GND hard. Dalla mia esperienza condivisa con altri fotografi ti posso dire che probabilmente rappresentano i filtri più utilizzati per chi si avvicina per la prima volta all’ utilizzo di questi strumenti in quanto riescono ad offrire una maggiore flessibilità nelle varie situazioni paesaggistiche;
Filtri GND in fotografia
Filtri GND in fotografia
  • Hard: sono caratterizzati da una transizione netta tra la parte chiara e quella scura del filtro (ma sempre con una leggera sfumatura) e si possono utilizzare in quelle situazioni dove la differenza tra le aree chiare e quelle scure della scena sono molto evidenti. Un esempio pratico potrebbe essere quando ti trovi a fotografare un tramonto o un’ alba sul mare;
Filtri GND in fotografia
Filtri GND in fotografia
  • Reverse: si tratta di filtri particolari che presentano una transizione scura con progressiva dissolvenza nella parte superiore. Vengono utilizzati soprattutto per quelle fotografie di paesaggio durante le fasi iniziali dell’ alba e finali del tramonto; ovvero quando il sole è presente nella parte bassa della scena (per in tenderci quando il sole si trova nella linea dell’ orizzonte).

Ed ora dopo aver visto più da vicino le varie tipologie di filtri GND presenti sul mercato, andiamo a rispondere subito alla prima domanda che tra l’ altro rappresenta anche il titolo dell’ articolo!!!

I filtri GND sono davvero indispensabili per noi fotografi?

Nisi filter
Filtri GND in fotografia

Dalla mia esperienza personale ti potrei dire Ni, che sta in mezzo tra il Sì ed il No, e adesso ti andrò a spiegare anche il perchè di questa mia affermazione. Ho deciso infatti di riportare questa cosa per farti capire che non esiste una scelta più giusta, ma bensì una scelta consapevole fatta in base alle esigenze personali di ogni fotografo. Sono convinto infatti che in ambito creativo tutto può essere messo in discussione. Più che ragionare sul tipo di attrezzatura mi piacerebbe soffermarmi sul fatto se ci possono essere o meno delle soluzioni alternative e solo in quel momento decidere se acquistare un determinato prodotto.

Quindi!!! Fatta questa premessa ti posso dire che i filtri GND sono indispensabili se:

  • Sei un fotografo paesaggista e vuoi ottenere il massimo dalle tue fotografie;
  • Non vuoi perdere troppo tempo in post produzione;
  • Ti piace ottenere il massimo con il minimo sforzo. Mi spiego meglio!!! Vista la loro caratteristica nella maggior parte dei casi avrai la possibilità di effettuare un solo scatto che in parole povere significa ottenere un’ immagine molto più pulita in termini di qualità;
Come utilizzare i filtri GND

Ma andiamo avanti…. Potrai fare a meno dei filtri GND se:

  • Sai utilizzare bene la tecnica dell’ HDR e se conosci le nozioni fondamentali per ottenere una buona post produzione;
  • Se sei dispost* a scendere a compromessi. A volte può capitare che una situazione di luce troppo forte ostacoli l’ idea che avevi in mente. In quel preciso contesto ci sono solamente 2 cose da fare. O ripieghi su qualcos’altro oppure ti armi di pazienza ed aspetti che la luce perda un pò della sua intensità;

E dove vanno utilizzati i filtri GND?

FILTRI GND
Foto di Andrea Pilloni

Senza andarci troppo per il sottile, i filtri GND possono diventare uno strumento molto utile per i fotografi paesaggisti soprattutto in quelle condizioni di luce molto intensa. Un esempio molto pratico potrebbe essere quando ti trovi a scattare in controluce.

Grazie alla loro caratteristica infatti avrai la possibilità di riuscire ad ottenere il meglio in termini di gamma dinamica, catturando contemporaneamente sia i dettagli nelle aree molto chiare sia in quelle molto scure della scena.

I filtri GND ti aiuteranno infatti a bilanciare la luminosità del cielo con quella del terreno, in modo tale da riuscire ad ottenere delle immagini molto più fedeli a quanto visto con i tuoi occhi e di conseguenza ti sarà più facile evitare di bruciare le luci.

Detto questo però……..

Non pensare che una buona foto dipenda solamente dall’ attrezzatura

Sono fermamente convinto infatti che avere tutto a portata di mano non è garanzia di un’ immagine che “spacca”. Anche i filtri quindi rientrano in questa categoria e andrebbero comprati nel momento in cui si ha le idee piuttosto chiare su quello che si vuole ottenere e non parlo solamente della qualità delle immagini ma anche per tutti gli altri motivi di cui ti ho parlato sopra.

In più sarebbe davvero interessante riuscire a capire durante le tue o le mie uscite fotografiche se ci possono essere dei metodi alternativi per riuscire ad ottenere gli stessi identici risultati o perlomeno che ci vadano molto vicino.

Ti dico questo perchè ho sempre amato trovare delle soluzioni, anche solamente per il fatto di non entrare in quel vortice commerciale che sembra che serva sempre tutto. Questo naturalmente non è un invito a non comprare, ma bensì lo puoi considerare come una forma di ragionamento che ognuno di noi dovrebbe avere.

Ma questi filtri servono veramente per il tipo di fotografia che vorrei ottenere? Lascio a te la risposta, ma una cosa è certa……. Se ci si abitua a pensare che manca sempre qualcosa alla fine sono convinto che anche quando avrai a portata di mano i filtri GND ti potrà capitare di andare alla ricerca di qualcos’altro.

Ti ripeto…. Una buona fotografia non dipende esclusivamente dall’ attrezzatura in tuo possesso ma al contrario, l’ attrezzatura rappresenta lo strumento che ti potrà aiutare ad ottenere quello che hai in mente.

Photoshop ci viene in aiuto

Photoshop funzione sostituisci cielo

Una cosa è certa!!! Negli ultimi tempi l’ intelligenza artificiale dei programmi di foto ritocco ha fatto dei passi da gigante in termini di qualità fotografica. Ad oggi infatti è presente su Photoshop una funzione che attraverso un semplice clic ti darà la possibilità di sostituire il cielo in pochissimi secondi evitando così il fastidioso effetto delle luci bruciate.

Se vuoi sapere un mio parere personale ti dico già che non amo particolarmente questa funzione anche se la trovo molto comoda ed efficiente per migliorare quelle immagini che altrimenti sarebbero dovute finire nel cestino. Non ti nego che in alcune situazioni ho utilizzato anche io questa funzione ottenendo anche dei risultati piuttosto buoni e realistici.

Photoshop. Post produzione

Ma come per ogni cosa preferisco non abusarne anche solo per il fatto di non diventare troppo pigro, ma anche per non perdere il contatto con la vera realtà di quando ho affrontato l’ uscita fotografica. Insomma!!! Non mi va di ridurre la fotografia ad un semplice clic. La fotografia per me è esperienza, emozione, fatica ampiamente ripagata, studio, costanza, condivisione e consapevolezza.

Per quanto i programmi di fotoritocco ci stiano dando una grossa mano, preferisco lavorare quando sono in corso d’ opera e non stamparmi in testa il concetto di fotografare alla meno peggio tanto poi risolvo tutto con Photoshop.

Ultime considerazioni

Dalla mia esperienza personale ti posso dire che i filtri GND rappresentano sicuramente un valido alleato per il fotografo paesaggista ma allo stesso tempo presentano anche dei limiti in termini di utilizzo. A volte infatti potrebbe essere molto più indicata la tecnica dell’ HDR. Detto questo!!! Ad ognuno la sua scelta consapevole. A quanto pare siamo arrivati proprio alla fine.

Spero che questo articolo sia stato davvero utile. Se hai qualche domanda scrivimi pure qui sotto nei commenti e farò del mio meglio per risponderti il prima possibile.

A presto

Francesco

Articoli correlati

10 Consigli su come scattare foto di paesaggio migliori

La tecnica dell’ HDR spiegata attraverso parole semplici

Come gestire la profondità di campo nella fase che precede lo scatto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest