Per la rubrica amici fotografi oggi andremo a intervistare Giulia Chiarotto

Feb 15, 2021 | Amici fotografi

La rubrica degli amici fotografi: vieni a conoscere più da vicino la nostra carissima amica e fotografa Giulia Chiarotto. Ho cercato per tanto tempo su Instagram un profilo femminile che potesse andare bene per questo tipo di spazio/intervista e alla fine ci sono riuscito. Devo dire che le foto di Giulia mi hanno colpito moltissimo e quindi ho pensato che potesse essere la persona giusta per questa intervista. Ti va di conoscerla più da vicino? Bene!!! Allora mettiti comodo/a e vieni a scoprire cosa ha da dirci.

Rubrica amici fotografi.

Prima di continuare però ti volevo parlare di questo spazio esclusivo riservato ad altri fotografi. Sono fermamente convinto che confrontarsi e condividere le proprie esperienze personali sia d’ ispirazione per poter crescere professionalmente.

Ora però senza dilungarmi troppo, partiamo subito con l’ intervista a Giulia Chiarotto, ma non prima di averti lasciato il link del suo profilo instagram, davvero molto interessante. Ti basterà cliccare qui.

E se hai altro tempo a disposizione potresti leggere anche le altre interviste che ho fatto a Francesco Bonanno e Samuele Cavicchi.

Bene!!! Ora si inizia davvero.

Da dove prendi ispirazione per le tue fotografie?

Rubrica amici fotografi

L’ispirazione è davvero molto importante per capire il proprio stile fotografico. Cerco sempre di cimentarmi in qualcosa che fino a quel momento non ho ancora sperimentato e questo per mettermi alla prova, ma anche per innovarmi.

Ecco!!! Io traggo ispirazione da qualsiasi situazione, persona, momento o oggetto che mi capiti sott’occhio. Con gli anni, proprio grazie al fatto di essermi fatta ispirare dal mondo esterno, ho capito cosa voglio trasmettere e a chi voglio trasmetterlo, con semplicità ma soprattutto senza mai perdere la parte creativa.

Cosa vorresti comunicare con il tuo stile fotografico?

Rubrica amici fotografi

Beh!!! Attraverso il mio stile mi piacerebbe comunicare soprattutto le emozioni che ho provato in quel momento. Sarei davvero felice che le persone che osservano le mie fotografie riuscissero a capire il significato che c’ è dietro ad ogni mio scatto.

So che non è affatto semplice e me ne rendo conto; ma è essenziale non soffermarsi solo sulla tecnica, ma è bello immergersi nei colori, nelle forme e nel senso effettivo dello scatto.

La superficialità non fa proprio per me.

Qual’ è il tuo sogno nel cassetto?

Il mio sogno? Ti rispondo subito!!! Poter lavorare con la fotografia. Prendere l’ auto, il treno, l’aereo e viaggiare il mondo catturando con la mia macchina fotografica tutte le sfumature che mi circondano.

Sarebbe il sogno di ogni appassionato di fotografia e per me questo equivale all’ apoteosi della felicità! 

Quando è iniziata la tua avventura da content creator?

Papavero rosso

La mia avventura da content creator è iniziata più o meno due anni fa nell’esatto momento in cui ho comprato la mia prima macchina fotografica che tra l’ altro è la stessa con cui scatto anche oggi.

Ma c’ è soltanto un ma ………. A dirla tutta non mi riesco a definire una content creator, preferisco definirmi semplicemente Giulia.

Quali sono i luoghi da dove prendi ispirazione?

Girasole e api

Di posti c’è ne stanno davvero molti, ma spesso traggo ispirazione dai luoghi che hanno a che fare con la mia quotidianità. La mia avventura fotografica è “partita” e …….. ti stupirà saperlo, sta ancora continuando esattamente negli stessi posti in cui vado giornalmente.

La mia idea di fotografia è quella di catturare i soggetti da prospettive e angolature differenti. Per me è importantissimo non abituare l’occhio agli stessi punti di vista, ma è fondamentale ricercare ogni qualvolta degli scatti originai e sempre nuovi.

È anche grazie a questo mio modo di concepire la fotografia che ho capito negli anni quale fosse il mio stile fotografico. Provare per credere.

Qual è il viaggio fotografico che ti è rimasto nel cuore?

Lago di Braies

Senza ombra di dubbio la mia giornata passata in Trentino; un viaggio estenuante ma ricco, ricchissimo di emozioni. Partenza ore 3:00 per catturare l’ alba al lago di Carezza. Di nuovo in macchina per essere a metà mattinata di fronte al lago di Braies. Ripartenza in direzione della Cascata del Lupo per effettuare degli scatti in lunga esposizione.

Ma di certo non poteva finire qui!!!

Il mio viaggio infatti è continuato in direzione del Lago di Misurina con annesse le Tre Cime di Lavaredo che naturalmente non potevano mancare e per concludere poi una bella pizza sulla via del ritorno.

Cosa volere di più? 

Quali altri stili fotografici ti piacciono?

Amo tutti quegli stili che siano in grado di suscitarmi delle bellissime emozioni e questo penso che sia alla base di ogni genere artistico. Che poi si tratti di arte, pittura, architettura o musica non importa. Si può veramente apprendere da ogni artista.

Un consiglio?

Seguire sempre le proprie passioni, cercare dentro di sè quello che veramente si vuole e alla fine sperimentare ogni giorno per inseguire i propri sogni.

Dalla mia esperienza ti posso dire che nel campo della fotografia c’ è sempre qualcosa di nuovo da imparare ed è sempre meglio non sentirsi “mai arrivati”. Ogni cosa per noi può diventare fonte d’ispirazione per riuscire a creare qualcosa di veramente bello.

Andare piano, osservare e guardare con attenzione tutto quello che ci circonda. Insomma!!! Mai!!! Mai arrendersi. Questo è il mio segreto per riuscire a creare le immagini che hai avuto modo di vedere nel mio profilo Instagram.

Siamo arrivati ai saluti

Anche quest’ oggi siamo arrivati alla fine di questo spazio/rubrica dedicato ai nostri carissimi amici fotografi. Un ringraziamento doveroso va a Giulia Chiarotto che ha accettato di partecipare a questa breve intervista.

Detto questo ci vediamo alla prossima “puntata”.

E se intanto vuoi iniziare a programmare

Spiaggia Urbani: il posto ideale per venire a fotografare l’ alba

I borghi più belli delle Marche: itinerario fotografico nelle terre fermane

Viaggio in Salento: percorrendo la strada litoranea da Otranto a Gallipoli

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest