Mountain bike al Monte Sibilla: ecco il resoconto della mia esperienza

Giu 24, 2021 | Prov. di Ascoli

Mountain bike al Monte Sibilla: sport, fotografia e tanta fatica. Ecco il resoconto della mia giornata davvero incredibile alla ricerca di panorami mozzafiato e con l’ obbiettivo di riuscire a fotografare il Rifugio della Banditella.

Mountain bike Monte Sibilla
Mountain bike Monte Sibilla

Ebbene sì!!! Dopo tanto tempo finalmente sono riuscito a realizzare questo mio desiderio; ma ti assicuro che non è stato affatto semplice percorrere questo sentiero in mountain bike.

Inoltre a rendere le cose ancora più difficili le solite app meteo che anche per questa volta mi hanno messo in difficoltà. Ti assicuro che ho controllato fino all’ ultimo le previsioni del tempo anche perchè non mi piace essere imprudente, soprattutto quando si tratta di montagna.

Beh!!! Ecco allora come sono andate le cose. Un app meteo metteva piogge torrenziali mentre l’ altra logicamente non poteva che mettere sole e nuvole. Io non so te; ma così si fa veramente fatica a prendere una decisione.

E vista la situazione in cui mi trovavo sono partito ugualmente con l’ idea però di prendere la decisione definitiva non appena fossi arrivato sul posto.

Mountain bike al Monte Sibilla

Una volta giunto a destinazione mi sono subito reso conto che le nuvole erano piuttosto grigie e di tanto in tanto si sentiva in lontananza il rumore di qualche tuono. A questo punto mancava solo la pioggia ma ………….

Non ti nego che per circa un quarto d’ ora ho provato un forte senso di delusione e scoraggiamento. Mi rosicava parecchio l’ idea di dover rinunciare, ma dall’ altro lato volevo evitare a tutti i costi la possibilità di ritrovarmi nel bel mezzo di un temporale di montagna, anche perchè i rischi sono davvero molti.

In ogni modo però dovevo prendere una decisione e alla fine dopo averci pensato per bene ho scelto di affrontare ugualmente la salita, ma con la consapevolezza che alle prime gocce di pioggia mi sarei ritirato alla grande.

E secondo te com’ è andata a finire?

L’ inizio della mia esperienza

Mountain bike Monte Sibilla
Mountain bike Monte Sibilla

Finalmente dopo l’ incertezza iniziale arrivano le mie prime pedalate; nemmeno fossi Marco Pantani e infatti dopo i primi tornanti capisco subito che non sarà una passeggiata di salute.

L’ idea però di affrontare l’ ascesa fino al Rifugio della Banditella mi regala delle forti emozioni e mi entusiasma parecchio immaginare di arrivare in quota con la mia mountain bike.

In ogni modo però il desiderio di conquista inizia subito a fare i conti con la fatica che di sicuro non si è fatta attendere. Una cosa è certa!!! Mi piace molto pedalare ma non sono poi così allenato. Questo per farti capire che se c’è l’ ho fatta io ci potrebbe riuscire chiunque naturalmente con un pò di allenamento.

In più a rendere il tutto ancora più faticoso lo zaino con tutta l’ attrezzatura fotografica. Sì perchè il mio desiderio era anche quello di scattare innumerevoli fotografie anche perchè sapevo già che da queste parti i panorami non sarebbero mancati.

I presupposti c’ erano tutti ma poi ho dovuto fare i conti con la realtà attuale. Per fortuna che faccio il fotografo!!! Non a caso infatti qualche tornate ha rappresentato una bella boccata di ossigeno e con il pretesto di fare qualche fotografia mi sono riuscito anche a riposare.

Ed ora qualche informazione sul percorso

Monte Sibilla. Mountain Bike Monte Sibilla
Il sentiero che porta al Rifugio Sibilla
  • Lunghezza: dall’ inizio del sentiero fino al Rifugio Sibilla sono circa 5 km; ma da lì in poi la strada brecciata continua ancora per ampi tratti;
  • Dislivello: circa 600 metri;
  • Tempi di percorrenza: io ci ho impiegato parecchio anche perchè mi sono fermato sia per fare foto ma anche per prendere fiato. Considera che sono partito intorno alle 3 e mezza di pomeriggio e sono sceso per le 7, ma io non faccio testo. Questo infatti non deve essere preso come un’ itinerario in mountain bike ma bensì come un itinerario fotografico in mountain bike;
  • Periodo consigliato: da aprile a novembre. In inverno, se c’è neve penso sia impossibile andare in mountain bike;
  • Inizio del sentiero: a pochi km da Montemonaco paese di riferimento per poter iniziare questa esperienza. Arrivati in prossimità del centro del paese dovrai proseguire per Montegallo e dopo circa 4 km troverai un bivio con le indicazioni per il Rifugio Sibilla;
  • In alternativa: se non ti va di fare questa “faticaccia” in mountain bike potrai salire anche con la tua auto e poi dal rifugio continuare a piedi. La strada è leggermente dissestata ma aldilà di questo non so dirti nulla di più. Io l’ ho fatta in bici;
  • Indispensabile: è altamente consigliato portarsi dell’ acqua anche perchè lungo tutto il sentiero non ci sono punti di abbeveraggio.

Si continua a pedalare

Rifugio Sibilla
Rifugio della Banditella

E la mia salita continua pedalata dopo pedalata, ma anche a piedi anche perchè ad un certo punto mi sono dovuto arrendere per via dei crampi. Ti assicuro che erano anni che non sperimentavo più questa situazione ma alla fine in un modo o nell’ altro ci sono arrivato.

Dopo 2 tornanti infatti ho iniziato a intravedere il Rifugio Sibilla e della pioggia neanche l’ ombra; anzi in alcuni momenti è uscito anche il sole e si è fatto subito sentire.

Ora la mia prima tappa l’ avevo conquistata; però mi mancava ancora la meta finale, ovvero il Rifugio della Banditella ma non sapevo con certezza quanta strada dovevo fare. Ero davvero stanco, ma arrivato a quel punto non mi andava di rinunciare e poi il tempo sembrava essere dalla mia parte.

Da lì in poi ho deciso di continuare a piedi portandomi appresso sia la mountain bike che lo zaino. Ho sudato veramente tanto, le gambe mi facevano male ma nonostante questo ero davvero felice. E dopo circa 1 km o forse 2 ho visto all’ orizzonte la mia meta. Finalmente ero arrivato al Rifugio della Banditella.

Cosa ti posso dire? Uno spettacolo!!!

E dopo innumerevoli fotografie è iniziata la mia discesa in mountain bike. E’ vero!!! Non sono arrivato sulla vetta della Sibilla poichè ero veramente stanco. Magari sarà per la prossima volta.

Ultime considerazioni

Nonostante la fatica, ti posso dire che lo rifarei ancora. E’ stata un’ esperienza davvero incredibile e che sicuramente mi porterò dentro per tanto tempo. Che panorami!!! Che senso di libertà!!! Insomma!!! Assolutamente consigliata.

Spero che questo articolo sia stato davvero utile. Se hai qualche domanda scrivimi pure qui sotto nei commenti e farò del mio meglio per risponderti il prima possibile.

A presto

Francesco

Articoli Correlati

Itinerario fotografico in Trentino Alto Adige: ti racconto i miei 3 giorni

Le cascate di Forcella:davvero una piacevole scoperta

Forca di Presta:4 cose da fotografare in questa zona dei Monti Sibillini

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest