Escursione al Monte San Vicino:un trekking fotografico davvero interessante

da | Mar 22, 2021

Escursione al Monte San Vicino fino ad arrivare a toccare la croce. Informazioni utili e consigli pratici per organizzare al meglio la tua prossima uscita fotografica. Un itinerario non troppo impegnativo ma che riuscirà a regalarti delle bellissime sorprese.

Escursione Monte San Vicino
La vetta del San Vicino

Conosco molto bene questa zona e ci tenevo davvero tanto a poter scrivere un’ articolo ben dettagliato su come arrivare alla vetta del Monte San Vicino. Per questa volta, visto che ero solo, ho deciso di effettuare il sentiero più breve, quello che in circa 40/45 minuti mi ha portato fino a toccare la croce.

In realtà quello che ti ho appena indicato rappresenta il tempo effettivo della sola camminata, ma alla fine dei conti mi sono accorto che tra una foto e l’ altra ci ho impiegato più di 2 ore. Un trekking tranquillo, vissuto con calma e con l’ idea di gustarmi ogni singolo istante. Alla fine poi chi mi correva dietro!!!

Con il tempo ho iniziato ad andare piano e mi sono accorto che non serve a nulla avere quella fretta spasmodica di arrivare nel più breve tempo possibile. Se poi in mezzo ci si mette anche la fotografia ho capito che l’ impazienza è una di quelle tossine che ostacola la mia creatività.

Ma come è iniziata la mia giornata? Vediamolo insieme.

La strada per arrivare

Escursione Monte San Vicino
La strada che prosegue da Pian dell’ Elmo

Venendo dalle parti di Ancona la mia salita fino ad arrivare ai Prati di San Vicino, punto di partenza della mia escursione, è iniziata in prossimità del piccolissimo paese di Frontale che si trova ad appena 5 km da Apiro.

Una volta imboccata la strada è iniziata la mia salita costante. Sono arrivato a Pian dell’ Elmo e da lì in poi ho proseguito per altri km seguendo le indicazioni per Matelica fino ad arrivare a destinazione.

La strada è davvero comoda, ben tenuta e soprattutto asfaltata. Ma per arrivare ai Prati di San Vicino ci sono anche altri punti di accesso che ora ti andrò ad indicare.

  • Da Matelica seguendo le indicazioni per Braccano (anche questa una strada molto comoda);
  • Da San Severino SP 502/SP 2 fino ad arrivare a Castel San Pietro e poi seguendo le indicazioni per Elcito (gli ultimi tratti da percorrere saranno su una carrareccia anch’ essa ben tenuta rispetto ad altre stradine che ho avuto modo di fare)

Ora!!! Dopo queste indicazioni non so dirti se ci stanno anche altri punti di accesso per poter arrivare ai Prati di San Vicino. In ogni modo se ne conosci altri, non ti fare problemi, scrivimi pure e sarò ben felice di aggiornare l’ articolo così che possa essere il più dettagliato possibile.

Info pratiche sul percorso

Escursione Monte San Vicino
L’ inizio del sentiero

Qui di seguito invece troverai tutte le informazioni pratiche per poter effettuare la tua escursione fino alla vetta del Monte San Vicino. Bene!!! Detto questo. Iniziamo subito.

Escursione Monte San Vicino
La prima parte del sentiero
  • Luogo di partenza: Prati di San Vicino dove potrai parcheggiare tranquillamente il tuo mezzo;
  • Luogo di arrivo: la vetta del Monte San Vicino percorrendo il sentiero 112A;
  • Lunghezza del percorso: dalle informazioni che ho preso in internet il percorso di andata e ritorno è di circa 4 km; ma questo rappresenta solamente una traccia indicativa. Alla fine poi i metri percorsi saranno molti di più. Scattare fotografie e trovare la composizione ideale richiede un maggiore sforzo;
  • Tempi di percorrenza: in linea di massima per effettuare l’ escursione ci vogliono circa 2 ore tra andata e ritorno; ma considera che tra una foto e l’ altra ci ho impiegato il doppio del tempo;
  • Dislivello: poco più di 300 metri;
  • Difficoltà: viene classificato come percorso escursionistico. Al di là del primo tratto, forse quello più impegnativo; per il resto poi sarà una passeggiata di salute. In ogni modo è decisamente fattibile;
  • Altre informazioni sul percorso: ci sono alcuni tratti leggermente esposti ma non difficili da effettuare;
  • Punti di Ristoro: in località Prati di San Vicino non c’è nulla ma a Pian dell’ Elmo sì. Li in quella zona potrai trovare il Bar Ristorante Forconi. Al di là di qualche gelato o panino non ho mai preso nient’ altro, poichè ho sempre preferito il pranzo al sacco in alta quota. In ogni modo sai che c’è anche questa possibilità.
Escursione Monte San Vicino

Altri modi per arrivare alla vetta

  • Sentiero 173C/173D: percorso escursionistico. Dislivello 550 metri e circa 3 ore di percorrenza tra andata e ritorno;
  • Sentiero 173/A – bivio 112 – 112A: percorso escursionistico. Dislivello 550 metri e circa 4 ore di percorrenza tra andata e ritorno.

Le informazioni appena descritte le ho inserite per farti avere una panoramica molto più completa dei modi per poter arrivare fino alla vetta del San Vicino. Personalmente non ho mai provato questi sentieri, tranne il sentiero 112A, per cui non so dirti nulla di più delle classiche e semplici informazioni. In ogni modo, lascio a te la piena libertà di decidere come poter arrivare fin lassù.

Per tutto il resto e per conoscere anche altri sentieri che si possono effettuare qui in questa zona, ti lascio il link di riferimento del sito ufficiale www.riservamontesanvicino.it

Il mio arrivo in vetta

Dopo circa un paio d’ ore di un cammino tranquillo e diverse fotografie all’ attivo sono arrivato finalmente alla vetta e il panorama è stato a dir poco incredibile. La giornata è stata piuttosto limpida, magari meno entusiasmante a livello fotografico, ma decisamente ottima per la vista a cui ho potuto assistere.

Escursione Monte San Vicino
La vista panoramica sul Lago di Cingoli

Oltre a questo però devo ammettere che aldilà del panorama e della classica croce non ho trovato altri soggetti interessanti o perlomeno non li ho visti. Non è stato facile riuscire a creare degli scatti alternativi in un contesto così spoglio.

Purtroppo il drone manca ancora all’ appello per cui ho dovuto far ricadere la mia attenzione sull’ attrezzatura che avevo a disposizione. Ho provato a fare diversi scatti da angolature diverse cercando anche di sfruttare il susseguirsi della luce che andava e veniva con molta rapidità e alla fine il risultato è quello che vedi nelle immagini sotto.

Non sono di sicuro gli scatti del secolo, ma ho cercato di fare il possibile per riuscire ad ottenere il meglio da quella situazione. Spero ti possano piacere; in caso contrario è stata una prova.

Escursione Monte San Vicino
Escursione Monte San Vicino
Trekking Monte San Vicino

Cosa vedere nei dintorni

E se hai altro tempo e buone gambe qui in questa zona ci sono sicuramente altre cose da poter vedere e fotografare. La prima che mi sento di consigliarti è la faggeta di Canfaito; oramai diventata famosa per il suo foliage; ma ti posso assicurare che anche in altri periodi dell’ anno è davvero incredibile. Oramai sono di casa da queste parti e ci torno sempre volentieri.

Per arrivare è davvero molto semplice. Dai Prati di San Vicino si continua in direzione di Matelica e in prossimità di una curva a gomito dovrai svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per San Severino/Canfaito.

Faggeta di Canfaito. Riserva Monte San Vicino.
Durante il periodo del foliage
Riserva San Vicino
La faggeta in estate

Altra cosa imperdibile è il piccolo borgo di Elcito; ma oramai cosa te lo dico a fa; è diventato talmente famoso a tal punto da non avere più bisogno di presentazioni. Lo troverai ad appena 5 km dalla faggeta ed è un’ ottima location per poter effettuare delle foto al tramonto;

Elcito

Per concludere in bellezza a circa 18 km da Elcito si trova il Lago di Cingoli, noto anche come il lago di Castreccioni. Anche questa location è davvero ottima per effettuare delle bellissime fotografie al tramonto con il Monte San Vicino a fare da cornice sullo sfondo.

Lago di Cingoli. Lago di Castreccioni
Tramonto sul Lago di Cingoli

Ma per tutte le informazioni dettagliate ti lascio il link dell’ articolo di riferimento che ho scritto proprio su questa zona. Ti basterà cliccare qui.

Spero che questo articolo sull’ escursione al Monte San Vicino sia stato davvero utile. Se hai qualche domanda scrivimi pure qui sotto nei commenti e farò del mio meglio per risponderti il prima possibile.

A presto

Francesco

Articoli Correlati

Escursione al monte Strega:trekking e panorami davvero incredibili

Non sai dove andare a fare delle fotografie?Io per questa volta ho scelto i Piani di Ragnolo

Forca di Presta:4 cose da fotografare in questa zona dei Monti Sibillini

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest