Escursione al Monte Strega:trekking e panorami davvero incredibili

Feb 22, 2021 | Prov. di Pesaro e Urbino

Escursione al Monte Strega: consigli e informazioni utili che potranno servirti per organizzare al meglio la tua prossima uscita fotografica. Un trekking davvero incredibile con dei panorami che non hanno nulla da invidiare a località di montagna ben più note. Se ti interessa scoprire com’è trascorsa la mia giornata qui al Monte Strega non posso che consigliarti di continuare a leggere. Bene!!! Detto questo!!! Si parte.

Escursione al Monte Strega

Ma ne vale veramente la pena farci un salto o rappresenta il classico specchietto per le allodole? Lo sai perchè ho voluto iniziare con questa domanda? Te lo dico subito.

Oggi a quanto pare la tendenza soprattutto sui social è quella di pompare per benino il posto che si è deciso di visitare. Ti sarà capitato sicuramente di vedere una foto su Instagram o Facebook e di pensare …….

Wow!!! Che figata pazzesca questo posto e magari quando ti ci sei trovato/a di persona di pensare invece …….

Ma cavoli!!! Non è proprio come me lo aspettavo.

Di sicuro non sono la persona che va alla ricerca solo di quei posti che oramai sono “certificati”; mi si passi il termine; per la loro bellezza; ma piuttosto mi piace andare alla scoperta di posti nuovi.

Escursione al Monte Strega
La parte finale prima di arrivare

Che ci vuoi fa!!! Sono una persona molto curiosa e se posso cerco sempre di scegliere dei luoghi in cui non sono mai stato, anche se a volte bisogna fare i conti con non poche difficoltà. Ma nonostante questo; trovo ancora la forza, ma soprattutto il desiderio di andare e scoprire cosa mi aspetta.

Ora però ti rispondo alla domanda. Ma allora!!! Ne vale veramente la pena; si o no? Dopo averlo vissuto posso soltanto dire che il Monte Strega merita sicuramente di essere preso in considerazione a patto che ti piaccia un luogo dall’ aspetto selvaggio.

Qui infatti non troverai punti di ristoro, perlomeno nelle immediate vicinanze, non ci sono fonti d’ acqua e a volte il cellulare può non prendere; ma questo è un aspetto che capita spesso e volentieri nelle zone di montagna un pò più isolate.

Se ti va leggi anche: Non sai dove andare a fare delle fotografie: io per questa volta ho scelto i Piani di Ragnolo

Escursione al Monte Strega:partiamo con le info utili

Parco dei Daini Sassoferrato
Parco dei Daini

Dopo aver fatto questa premessa entriamo subito nel vivo del racconto ed ecco quindi una serie di informazioni pratiche che potranno servirti per organizzare al meglio la tua prossima uscita fotografica qui al Monte Strega. Bene!!! Si inizia.

  • Luogo di partenza: Parco dei Daini dove potrai parcheggiare tranquillamente il tuo mezzo;
  • Luogo di arrivo: la croce del Monte Strega;
  • Lunghezza del percorso: dalle informazioni che ho preso in internet il percorso tra andata e ritorno è di circa 7 km, ma metti pure in conto di farne sicuramente qualcuno in più. Trovare infatti degli spot fotografici che possano essere interessanti richiede una fatica maggiore rispetto al classico trekking;
  • Tempi di percorrenza: in linea di massima ci vogliono circa 2 ore tra andata e ritorno; ma considera che tra una foto e l’ altra potrai anche impiegarci il doppio del tempo;
  • Dislivello: 320 metri circa;
  • Difficoltà: turistico/ escursionistico;
  • Periodo migliore: penso che in ogni stagione si possono creare degli scatti davvero suggestivi sia all’ alba che al tramonto. Detto questo!!! Se sceglierai di andare in inverno e soprattutto se c’è neve, dovrai essere ben equipaggiato. In montagna non si scherza;
  • Punti di Ristoro: nel piccolo paesino di Montelago è presente il Ristorante le Ginestre. Personalmente non so dirti nulla di più della semplice informazione anche perchè ho voluto provare l’ esperienza di pranzare in alta quota, ma su Google le recensioni sono buone; quindi lascio a te la piena facoltà di decidere quello che vorrai fare. Sulla forchetta non metto bocca;

Come arrivare al Monte Strega

Montelago Monte Strega
Una foto scattata lungo la strada per arrivare al Monte Strega

Il paese di riferimento che dovrai prendere in considerazione è Sassoferrato che dista circa 12 km dal Monte Strega. Dovrai seguire le indicazioni per Pergola e appena usciti dal paese prendere in direzione di Montelago che non centra nulla con i Piani di Montelago che si trovano in provincia di Macerata.

Non ti nego che stavo quasi per sbagliarmi e quindi proprio perchè non mi piace dare nulla per scontato ho preferito indicartelo qui nella descrizione. La strada per arrivare al Parco dei Daini, luogo di partenza della mia escursione, si presenta bene e soltanto in alcuni punti è leggermente dissestata.

Per il resto è davvero molto semplice arrivare a destinazione senza troppi problemi. Una volta arrivato/a in prossimità del piccolo paese di Montelago ti basterà seguire le indicazioni per il Monte Strega e il Parco dei Daini.

E il racconto del mia escursione continua …

Escursione al Monte Strega
Rappresenta più un’ immagine simbolica

Ora dopo tutte le informazioni è arrivato il momento di parlare della mia esperienza e di alcune difficoltà che ho incontrato, sia interiori che pratiche. Ma andiamo per ordine. Una cosa che posso dirti a piene mani è questa.

Intraprendere da soli un escursione in montagna non è mai semplice a livello emotivo; parlo soprattutto per me. In ogni modo mi sono accorto che il grado di attenzione è nettamente maggiore rispetto a quando si è in gruppo.

Da solo/a dovrai fare i conti con le tue debolezze, le tue fragilità e a volte anche con le tue paure che spesso possono farti rinunciare alla tua escursione.

Trekking Monte Strega
Escursione al Monte Strega

Ma la montagna in solitaria presenta anche dei lati positivi. Tra questi ti potrei dire quel senso di pace, di tranquillità e di calma che solo in questi luoghi sono riuscito a vivere pienamente.

Quindi!!! Se deciderai di andare da solo/a sappi che nel bene o nel male dovrai tenere a mente tutte queste cose.

Ma ora passiamo al lato pratico. Quali sono state le difficoltà che ho riscontrato durante questa mia escursione? In internet questo percorso viene indicato come semplice e in effetti non posso dire che non sia così.

Tuttavia in alcune situazioni mi è capitato di non riuscire ad individuare nell’ immediato il percorso da seguire. Ma nulla di che preoccuparsi. Con il fatto di avere sempre la croce a vista è possibile orientarsi anche in maniera intuitiva.

Insomma!!! Se l’ ho fatto io, lo potrai fare benissimo anche tu e se ti dovessi sbagliare percorso come il sottoscritto, non ti preoccupare. Una volta usciti dalla boscaglia sarà tutto più chiaro e la croce potrà di nuovo essere visibile come punto di riferimento.

Cosa fare nei dintorni

Panorama Monte Catria
La vista dal Monte Catria

Se dovessi fermarti nelle Marche per più giorni, a circa 40 km dal Monte Strega, sappi che potrai effettuare un’ altra escursione davvero incredibile, ovvero quella della salita alla Croce del Monte Catria, sempre che ci riesca ad arrivare.

Monte CATRIA
La vetta del Monte Catria

Chi mi segue da un pò di tempo e ha già letto l’ articolo sa di cosa sto parlando. In ogni modo è un luogo che mi ha colpito moltissimo e spero vivamente di poterci ritornare. Intanto però ti lascio il link di riferimento nel caso tu voglia sapere qualcosina di più sulla mia esperienza effettuata al Monte Catria. Ti basterà cliccare qui.

Un’ altro luogo davvero interessante da poter visitare e fotografare se verrai dalle parti del Monte Strega è di sicuro il borgo di Sassoferrato che tra l’ altro è stato inserito nella lista dei borghi più belli d’ Italia.

Ti dico la verità!!! Dopo l’ escursione che avevo fatto non avevo proprio voglia di scendere e ricominciare la sessione fotografica. In ogni modo penso proprio che ne valga davvero la pena farci un salto. Ma lascio a te la piena facoltà di decidere se andarci o meno.

Ultime considerazioni

Cos’ altro posso dire di questa mia escursione al Monte Strega? Di sicuro che è stata una piacevole scoperta e che nonostante alcune difficoltà, alla resa dei conti, posso ritenermi più che soddisfatto sia delle foto, sia dei panorami che ho avuto modo di vedere.

Spero che questo articolo sia stato davvero utile. Se hai qualche domanda scrivimi pure qui sotto nei commenti e farò del mio meglio per risponderti il prima possibile.

A presto

Francesco

Articoli correlati

Itinerario alle Gole dell’ Infernaccio:fotografando a passo lento

Spiaggia Urbani:il posto ideale per venire a fotografare l’ alba

Escursione fotografica a Piedi nel Parco Naturale del Monte San Bartolo

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest