Escursione al Monte Cucco:il racconto della mia giornata fotografica

Nov 5, 2021 | Umbria

Dietro consiglio di alcuni fotografi che seguo sui vari canali social ho voluto provare l’ esperienza del Monte Cucco!!! E secondo te com’è andata? Ti rispondo in questa maniera. Ho fatto proprio bene ad ascoltare i loro consigli anche perchè questa zona merita davvero tanto.

Escursione al Monte Cucco
Escursione al Monte Cucco

Prima di partire però con il racconto vero e proprio della mia esperienza torniamo per un’ attimo alle fasi iniziali; ovvero quel lasso di tempo in cui stavo quasi per rinunciare a questa mia uscita fotografica.

Io non so te ma a me capita tantissime volte di dubitare sulla meta finale e questo capita principalmente per un motivo ben preciso. Ora!!! Mettendo da parte le classiche paure e insicurezze interiori, cercherò di soffermarmi soprattutto su un’ aspetto cruciale che nella maggior parte dei casi mi trovo ad affrontare.

Quando programmo un’ uscita fotografica nella maggior parte dei casi sono alla ricerca di un qualcosa che mi possa ispirare, soprattutto immagini interessanti che possono provocare in me quel forte desiderio di partire.

Ma questa volta non è andata proprio così, anzi a dire il vero le immagini che ho trovato in internet non è che poi mi avevano convinto più di tanto. Detto questo!!! Senza dare troppo peso ai miei pensieri ho deciso di partire ugualmente e alla fine ho fatto proprio bene.

Devo ammettere che una volta arrivato sul posto sono rimasto letteralmente senza parole. Forse potrà essere un’ espressione anche troppo esagerata o forse ho beccato il periodo migliore. Una cosa però è certa; la faggeta che ho trovato al Monte Cucco e il suo foliage mi hanno ricordato per larghi tratti il sentiero di Campigna, all’ interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

In linea di massima ho trascorso qui un’ intero pomeriggio, prendendomela con molta calma e cercando di scattare fotografie su fotografie; non tanto perchè fossi pazzo, ma per il fatto che ogni angolo poteva essere interessante da fotografare.

Escursione al Monte Cucco
Escursione al Monte Cucco

E visto che mi sono divertito tantissimo e il luogo mi ha ispirato davvero tanto, ho deciso di condividere con te quante più informazioni possibili in modo tale che anche tu quando avrai un pò di tempo a disposizione, magari potresti regalarti questa bellissima esperienza.

Ora!!! Di sicuro io ho beccato uno dei periodi migliori per venire qui al Monte Cucco, ma sono convinto che anche in altre stagioni dell’ anno merita ugualmente. Parlando infatti con alcune persone che ho incontrato quel giorno, mi hanno indicato che anche la primavera rappresenta una stagione piuttosto interessante per venire a scattare qualche fotografia. Non ti nego infatti che mentalmente già ci sto facendo un pensierino.

Fatta questa premessa, passiamo alla parte pratica.

Come arrivare al Monte Cucco

Parto con il dire che è davvero molto semplice arrivare fin qui. Di sicuro il mezzo ideale è la macchina, ma viste le curve panoramiche che si incontrano durante la salita, soprattutto nell’ ultimo tratto, ti potrei dire tranquillamente che anche la moto potrebbe rientrare nella lista dei mezzi ideali.

Ora!!! Prendendo come punto di riferimento la superstrada che da Ancona va verso Fabriano, l’ uscita consigliata è quella di Fossato di Vico. Da lì poi una volta uscit* dovrai seguire le indicazioni per il piccolo paese di Sigillo che si trova ad appena 4 km.

Arrivat* in paese ti basterà seguire le indicazioni per il Monte Cucco e iniziare quindi la salita fino ad arrivare al parcheggio che si trova praticamente attaccato al Ristorante da Tobia; un punto di ristoro famosissimo di questa zona.

Escursione Monte Cucco
Cavalli allo stato brado

La strada è davvero molto comoda e anche ben tenuta. Come ti dicevo prima, nell’ ultimo tratto ci sono delle viste panoramiche a dir poco incredibili. Non è un caso infatti che durante il tragitto di ritorno mi sono fermato proprio sul ciglio della strada per effettuare le ultime fotografie al tramonto.

Detto questo!!! Se proprio devo fare un appunto allora mi potrei soffermare sulla mancanza del guardrail, che per ampi tratti è praticamente inesistente. In ogni modo però ti posso assicurare che si può percorrere tranquillamente senza avere alcun tipo di problema.

Ed ora è arrivato proprio il momento di affrontare questo trekking attraverso……..

Il sentiero 225

Monte Cucco
Lungo il sentiero

che in circa 30 minuti mi ha portato fino alla fonte dell’ acqua fredda, punto di arrivo della mia piacevole escursione qui al Monte Cucco. Ora!!! I 30 minuti che ti ho appena indicato sono quelli che ho trovato impressi nel cartello Cai posto all’ inizio del sentiero, ma in realtà io ci ho messo circa 3 ore tra andata e ritorno.

Questo per farti capire la quantità di fotografie che ho scattato quel giorno. Devo ammettere che era da diverso tempo che non assistevo ad un foliage così incredibile, non solo per i suoi colori inconfondibili, ma anche per il fatto di aver trovato lungo il percorso tantissime situazioni davvero molto interessanti da poter fotografare.

Chiesa Monte Cucco
La Chiesetta all’ inizio del sentiero

Il sentiero che ho percorso io è decisamente molto semplice da effettuare; con un dislivello praticamente inesistente. E’ vero!!! Di tanto in tanto ho dovuto affrontare dei brevissimi sali e scendi, ma nulla di che rispetto a quelle scarpinate effettuate sui Monti Sibillini.

Inoltre!!! Il fatto di esserci venuto di pomeriggio è stato un vantaggio davvero notevole, anche perchè i raggi del sole di tanto in tanto riuscivano ad entrare nel fitto bosco creando dei giochi di luce decisamente interessanti.

Faggeta Monte Cucco
Escursione al Monte Cucco

Ora!!! Quello che ti ho appena indicato è solamente una piccolissima parte di quello che si può fare qui al Monte Cucco, per cui è molto probabile che tornerò anche altre volte per darmi la possibilità di scoprire un pò meglio quello che ha da offrire questa zona.

Detto questo!!! Qui di seguito ti andrò ad indicare tutto quello che sono riuscito a trovare in internet!!!

  • Le grotte sotterranee: un fenomeno carsico imponente che si estende per oltre 30 km raggiungendo la profondità massima di 923 metri. Che dire? Penso sia una bellissima esperienza. E per tutte le informazioni sugli orari di visita e i prezzi aggiornati potresti dare un’ occhiata al sito ufficiale di riferimento: www.grottamontecucco.umbria.it
  • Ascesa al Monte Cucco: una salita emozionante ma per larghi tratti anche impegnativa;
  • Parapendio, deltaplano, aeromodelli senza motore: Il Monte Cucco è uno dei siti di volo più conosciuti in Europa. Grazie alle sue caratteristiche territoriali qui si formano delle correnti ascensionali ideali per la pratica del volo libero. Detto questo!!! Qui di seguito ti lascio anche il link di riferimento del sito ufficiale: www.parcodelmontecucco.it

Spero che questo articolo sia stato davvero utile. Se hai qualche domanda scrivimi pure qui sotto nei commenti e farò del mio meglio per risponderti il prima possibile.

A presto

Francesco

Articoli correlati

Foliage nelle Marche:la guida pratica su dove andare

Escursione fotografica alla Faggeta di Pianacquadio:alla scoperta del foliage

Alla scoperta del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest