Cosa fotografare al Lago di Cingoli:alla scoperta degli angoli più suggestivi

da | 24,05,20

Cosa fotografare al Lago di Cingoli:lago di Castreccioni

Noto anche come Lago di Castriccioni.E’ sicuramente una meta a me molto cara ogni qual volta desidero abbinare un po’ di relax all’immancabile voglia di scattare qualche fotografia.

Vi posso dire di conoscere abbastanza bene questo luogo e nonostante questo sia un dato di fatto,ogni volta che vengo da queste parti torno a casa con qualcosa di nuovo.

Cosa vi posso raccontare di questo Lago?Vi posso dire che è un bacino artificiale e questo grazie alla diga fatta costruire negli anni 80.

Vi posso dire che è profondo 55 metri e che al suo interno si trovano piante sommerse o semi affioranti che offrono riparo a numerose specie di pesci,ma forse a voi queste cose non interessano.

Però sono sicuro di una cosa.E’ sempre bello ed affascinante conoscere qualcosa di nuovo e che magari non sapevamo.

E’ vero!Di sicuro non ci cambia la vita,sapere di piante più o meno sommerse;ma la cosa grandiosa è che ogni giorno possiamo crescere nel sapere;mattone dopo mattone e magari sentirci gratificati per tutto questo.

E dopo questa parentesi culturale,entriamo nel vivo di questo articolo,andando a stilare una breve e personale classifica delle cose da poter fotografare per chi decidesse di venire da queste parti.

Escursione al Lago di Cingoli:cosa fotografare

Il lago di Cingoli:il più grande delle Marche

-Se passate da queste parte non potete non effettuare una foto dalla piccola terrazza panoramica del minuscolo paesino di Castreccioni.

Ah!Quasi mi dimenticavo.Qui sono presenti anche i ruderi del vecchio castello datato 1209.Beh! Non sarebbe male effettuare una foto con il drone;

Un’altra foto che merita sicuramente di essere fatta è quella che domina la valle. Sullo sfondo vi ritroverete come soggetto l’imponente e maestoso Monte San Vicino;

Superato il Ponte che porta al Piccolo paesino di Moscosi;ci si ritrova in un tratto collinare.Da qui la vista è davvero gradevole;

-A questo punto ho deciso di lasciare a voi il compito di girare,di trovare dei punti panoramici,di prendere il pedalo o una barchetta e addentrarvi negli angoli ancora poco fotografati di questo lago artificiale.

Ognuno ha la sua creatività e il suo modo di vedere le cose ed è proprio per questo che ho deciso di non fare una lista così lunga.

Monte San Vicino

Per chi vuole la diga è visitabile.Per maggiori informazioni,potete dare un’occhiata al sito di riferimento che trovate di seguito.

www.bonificamarche.it

Cosa fotografare al Lago di Cingoli:quale attrezzatura scegliere

Con l’intento di portare a casa delle ottime fotografie da poter incorniciare o utilizzare come sfondo per il desktop o cellulare ecco qui di seguito una breve lista dell’attrezzatura necessaria.

-Un buon tre piedi per la stabilità e per evitare il micromosso;

-Un medio tele obbiettivo per stringere l’inquadratura e riuscire a creare delle fotografie più accattivanti. Se non l’avete anche un 18-55 può andare bene;anche se siete un po’ al limite;

-Un grandangolare anche se non indispensabile;

Cosa fotografare al Lago di Cingoli:cosa visitare nei dintorni

La faggeta di Canfaito

Non molto distante da questo lago,ad appena 25 km di distanza;per intenderci in direzione del Monte San Vicino;potrete ammirare il piccolo e affascinanate paesino di Elcito e da qui poi dirigervi alla Faggeta di Canfaito,sicuramente da non perdere.

Vi accenno solamente due cose,poichè per tutto il resto vi lascio all’articolo di riferimento: Itinerario fotografico alla Riserva Naturale Regionale del Monte San Vicino e Canfaito.

Per quanto riguarda Elcito vi posso anticipare che attualmente risiedono solo 7 abitanti e che si trova arroccato su uno sperone di roccia a 824 m.s.l. del mare. Per quanto riguarda invece la Faggeta di Canfaito vi posso dire che al suo interno risiede l’albero più grande delle Marche. Qui sotto alcune foto di quello che vi aspetta.

Il piccolo borgo di Elcito
La faggeta di Canfaito

Spero che questo articolo sia stato davvero utile per te. Se hai qualche domanda scrivimi pure qui sotto nei commenti e farò del mio meglio per risponderti il prima possibile.

A presto

Francesco

Articoli correlati

Alla scoperta di Portonovo: breve itinerario fotografico dei luoghi più iconici

Le marmitte dei giganti: davvero una piacevole scoperta

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo post con i tuoi amici