Campeggio libero nelle Marche: facciamo un pò di chiarezza

Mag 3, 2021 | Consigli fotografici

Campeggio libero nelle Marche: si, no, forse …… Vediamo insieme i punti salienti della Normativa Regionale.

Ci ho pensato un pò prima di scrivere questo articolo, però poi alla fine mi sono convinto ed ora eccomi qua a parlare di questo argomento piuttosto interessante e allo stesso tempo anche molto controverso.

Perchè ti dico questo? Te lo spiego subito

Nelle Marche il campeggio libero è regolamentato da una Normativa ben precisa, però poi ogni zona ha le sue predisposizioni a cui dovrai far riferimento.

Quindi, se deciderai di avventurarti in qualche parco naturale per poi passarci la notte, cerca di capire bene quali sono le regole che dovrai rispettare e se ti sarà possibile montare la tenda.

Ora però passiamo ai fatti!!!

Cosa ci dice la Normativa Regionale?

Vediamolo insieme.

Ho pensato che potesse essere una cosa buona chiamare telefonicamente i vari Enti del Parco e delle Riserve Naturali delle Marche, anche perchè, chi meglio di loro poteva sapere queste cose.

E dopo una lunga ed estenuante ricerca ecco cos’ è saltato fuori.

Prima di continuare però vorrei richiamare per un’ attimo la tua attenzione. Al fine di garantire delle informazioni ben precise e spero anche ben dettagliate, ho deciso di aggiornare l’ articolo ogni volta che ci saranno delle novità in merito a questo argomento.

Ma ora ……

La normativa di riferimento è la n. 9 dell’ 11 luglio 2006 però prima partiamo dalla definizione di ………

Campeggio libero vs bivacco

Quasi simili ma neanche troppo ed è per questo motivo che ho deciso di farti trovare questa tabella che spiega in parole semplici di cosa si tratta.

E dopo queste due definizioni andiamo a vedere passo dopo passo quali sono le regole, i divieti o le cose che si possono fare nei vari Parchi e Riserve Naturali delle Marche.

Detto questo!!! Partiamo subito.

Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Ho voluto iniziare proprio da questo luogo poichè rappresenta il simbolo indiscusso delle Marche, ma anche perchè è uno dei miei posti preferiti ogni qual volta voglio ritrovare un pò di ispirazione.

Diciamo che quando ho un pò tempo scappo tra queste montagne alla ricerca di spot fotografici che mi possano regalare delle bellissime emozioni e difficilmente torno a casa deluso. Ora però, concentriamo la nostra attenzione sull’ argomento principale e partiamo subito con questa domanda.

E’ consentito il campeggio libero all’ interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini? Ecco cosa c’è scritto sul Regolamento. Scorrendo in basso si nota questa scritta.

Non si può campeggiare al di fuori delle aree appositamente attrezzate. Il bivacco è consentito solo in alcune aree ben precise che vengono suddivise così:

  • Area rossa: vietato;
  • Area bianca: consentito solo per finalità didattico-educative (per intenderci le associazioni scout);
  • Area verde: consentito nel rispetto del regolamento.

E per comprendere meglio di quali zone si tratta e dove sono dislocate ho pensato di farti trovare la cartina di riferimento. Ti basterà cliccare qui.

Divieti

Oltre a queste aree però ci sono anche altre zone ben definite dov’ è assolutamente vietato campeggiare liberamente. Ecco l’ elenco di quelle più conosciute:

  • Le Gole dell’ Infernaccio e l’ alta Valle del Tenna
  • Il Lago di Pilato tranne che nella grotta del Gran Gendarme
  • Castelluccio
  • Il Lago di Fiastra
  • La Valle dell’ Ambro
Campeggio libero nelle Marche

In ogni modo però se vorrai soggiornare da queste parti, ti invito a visitare il sito ufficiale dei Rifugi dei Sibillini.

Campeggio libero nelle Marche

Tempo fa ho avuto la possibilità di dormire al Rifugio Belvedere che si trova nella zona di Forca di Presta e ti posso assicurare che svegliarsi la mattina presto con il Monte Vettore davanti è stata un’ esperienza davvero unica, per non parlare poi del cielo stellato.

Cosa ti posso dire? Assolutamente da provare.

Riserva Naturale Regionale del Monte San Vicino e Canfaito

Elcito

Qui il campeggio, inteso come la sosta per più notti nel medesimo luogo con tende, camper o altri mezzi, e/o il bivacco, inteso come la sosta per un’unica notte, sempre nel medesimo luogo, sono consentiti esclusivamente nelle aree appositamente attrezzate.

Se deciderai di passare la notte da queste parti, a Pian dell’ Elmo è presente un campeggio davvero molto comodo ideale come base di partenza per poter affrontare alcune tra le escursioni più suggestive di questa zona.

San Vicino. Parco Naturale Regionale del Monte San Vicino

In ogni modo però, se il tuo desiderio è quello di campeggiare liberamente, potresti provare a fare una richiesta a l’ Ente gestore che potrebbe eventualmente autorizzare la sosta con tende in aree diverse, a fronte di un’ apposita richiesta nella quale devono essere indicati:

  • Il luogo;
  • Il giorno;
  • Il motivo;
  • E il numero di partecipanti.

Per altre informazioni però ti invito a consultare il Regolamento della Riserva Naturale, prendendo come punto di riferimento la pagina 15 articolo 13 – Attività di campeggio e bivacco nella Riserva.

Qui di seguito invece troverai i link dei miei articoli che ho scritto proprio su questa zona.

Escursione al San Vicino:un trekking fotografico davvero interessante

Cosa fotografare al Lago di Cingoli:alla scoperta degli angoli più suggestivi

Parco del Conero

Portonovo

Sono praticamente di casa da queste parti e vengo moltissime volte a fotografare l’ alba, sia nella zona di Portonovo, ma anche in altre spiagge davvero molto interessanti.

Ma ora veniamo ai fatti!!!

Cosa ci dice il Regolamento del Parco Regionale del Conero? Vediamolo Insieme.

Qui dovrai prendere come punto di riferimento la pagina 87 articolo 4.15 riferito al campeggio didattico-educativo.

In questa zona è vietato il campeggio libero con tende, roulotte e camper, mentre in alcune zone ben definite è consentita solamente la sosta in bivacco notturno dall’imbrunire all’alba.

Quindi?

A quanto pare per l’attività di bivacco l’Ente del Parco del Conero rilascia delle apposite autorizzazioni che naturalmente dovrai richiedere. In ogni modo il consiglio che ti posso dare è quello di telefonare personalmente per informarti per bene su come ti dovresti comportare.

Qui di seguito ti lascio anche il link del sito ufficiale di riferimento. Ti basterà cliccare qui.

Parco Naturale del Monte San Bartolo

Campeggio libero nelle Marche

Anche qui è assolutamente vietato campeggiare liberamente tranne che nelle aree appositamente attrezzate.

In ogni modo l’ Ente del Parco si riserva il diritto di autorizzare il campeggio libero all’ aperto esclusivamente per finalità educative, sportive, religiose o sociali, da parte di Enti o Associazioni senza scopo di lucro.

Tutte queste informazioni le potrai trovare all’ interno del Regolamento del Parco Naturale del Monte San Bartolo nella sezione dedicata al Campeggio e Bivacco; pagina 43 articolo 84.

Campeggio libero nelle Marche
Campeggio libero nelle Marche

Beh!!! E’ davvero un peccato poichè la spiaggia di Fiorenzuola di Focara poteva rappresentare un luogo ideale per poter trascorrere la notte e ritrovarsi poi direttamente a due passi dal mare per poter fotografare l’ alba.

In ogni modo però quando sono passato da queste parti ho avuto l’ occasione di dormire al Camping Panorama e mi sono trovato decisamente bene. Non sarà come dormire sulla spiaggia a due passi dal mare, però ti posso assicurare che si trova in una posizione davvero comoda per poter girare questa zona delle Marche.

Inoltre la cosa che ti posso dire è che la mia esperienza al Parco Naturale del Monte San Bartolo è stata davvero ottima o per meglio dire una piacevole scoperta.

Parco Naturale Gola della Rossa e di Frasassi

Campeggio libero nelle Marche

Al di fuori delle zone D del Parco, il Regolamento consente la realizzazione di strutture ricettive all’ aria aperta esclusivamente nella forma dei campeggi didattico-educativi che vengono divisi in campeggi:

  • Fissi;
  • Itineranti;
  • Temporanei.

La sezione a cui dovrai far fede la trovi a pagina 59, articolo 33, sezione 4 disciplina dei campeggi didattico-educativi.

Qui in questa categoria rientrano tutti gli Enti o le Associazioni senza scopo di lucro e finalizzate al perseguimento di finalità educative, didattiche, ambientali, sportive, religiose o sociali.

Mentre per quanto riguarda gli attendamenti temporanei; questi sono consentiti a fronte di una semplice comunicazione da fare agli uffici di competenza del Parco.

Ma dovrai attenerti ad alcune semplici regole:

  • Potranno essere svolti per un periodo massimo di 12 ore continuative
  • Lo potrai fare esclusivamente nelle immediate vicinanze della rete sentieristica, all’ interno delle zone B e C e senza pregiudicare lo stato naturale dei luoghi.

In questa categoria ci rientrano tutte quelle situazioni che rivestono il ruolo di occasionalità e che sono legate allo svolgimento di attività escursionistiche o di attività di ricerca scientifica e monitoraggio.

Ma per una tua maggiore sicurezza prova a contattare direttamente gli uffici di competenza. Qui di seguito ti lascio il link della pagina dei contatti.

Riserva Naturale Statale Gola del Furlo

Campeggio libero nelle Marche
Campeggio libero nelle Marche

Una zona davvero incredibile e molto particolare che oramai conoscono in tantissimi.

Ma ora veniamo al dunque!!!

E’ possibile campeggiare liberamente all’ interno della Riserva Naturale della Gola del Furlo?

Anche in questo caso la risposta è No. Purtroppo è vietata ogni forma di ” accampamento libero”, tranne per quelle Associazioni e gli Enti che svolgono attività educative e sociali in attuazione dei loro fini statutari.

In ogni modo però è consentito il campeggio di transito di camper, autocaravan e caravan, solamente nelle zone attrezzate, ad esclusione però delle zone A e B1.

Tutte queste informazioni le ho trovate all’ interno del Regolamento del Parco, alla pagina 56, articolo 72, Attività di campeggio pic-nic nella riserva.

Aree attrezzate disponibili

In ogni modo qui nella zona del Furlo sono presenti diverse aree attrezzate dove potrai trascorre in piena tranquillità le tue giornate. Ecco qui di seguito cosa ho trovato:

  • Il Parco La Golena: un’ ampia zona dove potersi fermare a fare picnic. Inoltre è consentita la sosta diurna con i camper o van al di fuori delle aree verdi, ma non è possibile passarci anche la notte;
  • Parco le Querce: un’ area attrezzata dove poter trascorrere la notte. Non ci sono stato personalmente, per cui non so dirti nulla di più della sola e semplice informazione. In ogni modo la cosa certa è che dormire qui non ti farà incappare in multe costosissime;
  • Area attrezzata Vivi Furlo: si trova lungo la strada Flaminia, nelle immediate vicinanze della diga Enel, in località Villa Furlo, nel comune di Fermignano.

Parco Sasso Simone e Simoncello

Campeggio libero nelle Marche
Campeggio libero nelle Marche

Anche se per pochissimo tempo, ti posso garantire che è stato davvero emozionante riuscire a scattare qualche fotografia dal Passo del Trabocchino.

Posso soltanto dire che il Parco del Sasso Simone e Simoncello merita davvero di essere preso in considerazione.

Ora però, fatta questa premessa andiamo a vedere insieme se perlomeno in questa zona è possibile campeggiare liberamente.

Dopo essermi informato in internet e dopo aver chiamato di persona l’ Ente gestore, ti confermo che purtroppo anche in questa zona non è possibile praticare il campeggio libero.

L’ Ente fa riferimento alla Normativa Regionale.

In ogni modo, a breve distanza dal Passo del Trabocchino potrai trovare il Camping il Cippo. Anche in questo caso non posso dirti nulla di più della sola e semplice informazione, ma dalle recensioni che ho visto in internet sembra che possa essere un’ ottima sistemazione per poter passare la notte.

Se non altro potrai ritrovarti nella condizione favorevole di avere diversi sentieri proprio ad un passo dal campeggio e quindi direi che non è poi così male.

Ultime considerazioni

Dopo aver preso una marea di informazioni e dopo aver fatto diverse telefonate ai vari Enti gestori sono giunto alla fine di questo articolo piuttosto lungo.

Di sicuro avrai capito che campeggiare liberamente rappresenta davvero un’ utopia qui nelle Marche, mentre bivaccare può definirsi come quella categoria atipica che si trova in bilico tra il Si è possibile e il No è assolutamente vietato.

In ogni modo il consiglio che posso darti è questo. Una volta che avrai deciso l’ itinerario che ti piacerebbe fare, prova a contattare i vari Enti e Parchi Regionali, per capire come comportarti, ma anche per essere sicuro/a al 100%.

Detto questo!!! Goditi pure la tua vacanza qui nelle Marche e mi raccomando scatta una marea di foto.

Spero che questo articolo sia stato davvero utile. Se hai qualche domanda scrivimi pure qui sotto nei commenti e farò del mio meglio per risponderti il prima possibile.

A presto

Francesco

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest