Alla scoperta di Ancona attraverso un itinerario un pò diverso dal solito

da | Ott 5, 2020

Alla scoperta di Ancona attraverso un itinerario fotografico di poche ore effettuato di sera e per far conoscere questa città in una versione un pò diversa dal solito. All’interno dell’articolo troverai la descrizione del percorso effettuato, i tempi di percorrenza tra un posto e l’altro e i vari punti di interesse dove si possono scattare delle ottime fotografie.

Alla scoperta di Ancona. Porto di Ancona

Bene!!! Fatta questa premessa iniziamo subito con un paio di domande. Come organizzare al meglio la tua uscita serale qui ad Ancona? Quanto tempo e come regolarsi con i vari spostamenti? Per far sì che la tua uscita fotografica diventi un’esperienza piacevole e non una corsa contro il tempo sarebbe opportuno stabilire con un pò di anticipo l’itinerario che hai in mente di fare.

Detto questo però nessuno ti vieta di rimanere per più tempo in una determinata zona poichè ne sei rimasto/a particolarmente colpito/a. Infatti il mio intento non è quello di obbligarti a rispettare l’intero itinerario ma bensì e quello di riuscire a darti degli spunti necessari che magari potranno servirti per le tue prossime uscite fotografiche.

Detto questo ti posso già dire che Ancona non è una città molto grande rispetto a Milano o Roma;nonostante ciò;partire un pò sprovveduti,rischierebbe di farti perdere una marea di tempo oltre alla possibilità di non riuscire a fotografare i principali punti di interesse.

Proprio perchè voglio condividere questa mia esperienza con te,ho deciso di percorrere in prima persona questo itinerario molto rilassante così da riuscire ad accumulare quante più informazioni possibili che magari ti potranno servire per prendere qualche spunto. Detto questo iniziamo subito.

Alla scoperta di Ancona:passo dopo passo tra fotografie e ammirazione

Alla scoperta di Ancona
Porto di Ancona

Il mio itinerario non poteva che iniziare dalla parte che amo più di tutti di Ancona. San Ciriaco per me rappresenta un luogo particolare,un luogo che per tanti anni mi ha accompagnato facendomi gustare dei tramonti davvero eccezionali. E’ vero;forse mi sento un pò di parte e proprio perchè non mi piace la parola influencer ti dico già che questo itinerario;o meglio;questa passeggiata piacevole effettuata ad Ancona;la potrai cambiare o modificare a tuo piacimento e in base alle tue esigenze.

Ho deciso di iniziare la mia esperienza partendo proprio dalla zona di San Ciriaco e questo per una serie di motivi che adesso ti andrò ad elencare. Beh!!! Il primo penso che l’avrai già capito;dal piazzale antistante la Basilica si può infatti ammirare il tramonto sul Porto di Ancona;e ti assicuro che da quassù ne vale veramente la pena,soprattutto in quelle giornate dove il cielo è particolarmente interessante.

Alla scoperta di Ancona

Il secondo motivo che mi ha spinto ad iniziare da questa zona è il fatto che si può parcheggiare gratis;ma bisogna avere anche un pizzico di fortuna. Infatti non sempre mi è andata bene. Nonostante la Piazza sia abbastanza grande è sempre un terno a lotto trovare dei parcheggi liberi. In ogni modo,ogni volta che capito qui ad Ancona passo sempre prima a dare un occhiata da queste parti e se sono fortunato parcheggio gratis.

Bene!!! La sera che sono andato avevo stabilito di effettuare un itinerario piuttosto dettagliato. Mi ero messo in testa di riuscire a rispettare i tempi tra una foto e l’altra,poichè nel mezzo c’erano da considerare i minuti effettivi che sarebbero serviti per arrivare nei luoghi più caratteristici di questa città. E secondo voi com’è andata?

Diciamo che la serata non è partita con il piede giusto;ma non perchè mi sia capitato qualcosa di brutto o un imprevisto. La motivazione che ha fatto saltare tutti i programmi che mi ero prefissato è stato il panorama dalla zona di San Ciriaco. Purtroppo non ho saputo resistere. Il tramonto non è stato di quelli da effetto wow;di sicuro ne ho visti di più belli qui ad Ancona,ma nonostante questo non posso dire che mi è andata proprio male,anzi tutt’altro.

Alla scoperta di Ancona

Ma ora torniamo a noi!!! E’ vero!!! Ti avevo promesso una guida pratica dei luoghi da fotografare ad Ancona in questo itinerario un pò diverso dal solito e invece ancora sono fermo qui nel Piazzale di San Ciriaco. Che disastro!!! Mi devo assolutamente muovere.

La mia tappa è proseguita in direzione della Chiesa dei SS. Pellegrino e Teresa,che ha come particolarità questa cupola colorata;tra l’altro davvero molto bella da fotografare. Ma come ci si arriva e qual’è il punto migliore dove poter creare delle ottime fotografie?

Te lo dico subito. Dal piazzale di San Ciriaco la strada e davvero breve;circa 2 minuti a piedi. Appena iniziata la discesa dell’unica strada principale;ad un certo punto ti ritroverai le scalette che in pochissimo tempo ti faranno arrivare nel luogo dove sono riuscito a scattare la fotografia che vedi sotto.

Alla scoperta di Ancona.
Una foto alla chiesa con la cupola colorata

Vuoi sapere qualcosa in più sulla realizzazione di questo scatto? Bene!!! Alla fine di questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie che ti serviranno per poter replicare.

Detto questo il mio itinerario prosegue a piedi fino ad arrivare al centro di Ancona,percorrendo il tratto di strada che passa in una delle zone più caratteristiche ed antiche di questa città. Questa piacevole passeggiata di circa 10/15 minuti non smetterò mai di consigliarla;poichè ne vale veramente la pena.

Alla scoperta di Ancona:Piazza del Papa

Dati di scatto F3.5 – ISO 1600 – Tempi 1/80 di secondo

Ed eccomi arrivato a Piazza del Papa;uno dei luoghi per eccellenza della vita sociale e notturna della città di Ancona;il luogo dove si affacciano alcuni tra i più importanti monumenti cittadini come il Palazzo del Governo con la sua Torre,la Chiesa di San Domenico e la statua di Clemente XII.

Come avrai percepito,sono letteralmente in ritardo sulla mia tabella di marcia;lo si capisce dalla foto sopra poichè siamo passati dalla golden hours direttamente alla notte. Che ne dici è l’ora di tornare a casa? Certo che no. Avevo deciso di creare degli scatti un pò diversi dal solito ed allora eccomi qua a sperimentare e condividere con te questa mia esperienza.

Devo dire che quando ho scattato la foto che vedi appena sopra mi sono sentito un pò scemo. Pensa per un attimo alla scena. Cavalletto ben piazzato;intorno a me le persone ai tavoli che stavano facendo serata e poi ci sono io in classica posa da selfie con l’idea di portare a casa lo scatto del secolo.

Beh!! Diciamo che per circa 15 minuti mi sono sentito gli occhi addosso e quasi stavo per rinunciare,vista la mia timidezza. Non so come,ma sono riuscito a resistere,ma ti assicuro che non è stato semplice.

Alla scoperta di Ancona:Il Teatro delle Muse

Alla scoperta di Ancona.
Teatro delle Muse

Naturalmente quella che vedi sopra non può essere la realtà. Sia le stelle che la luna sono degli scatti ben distinti tra loro che però ho pensato di unire insieme per creare un’unica fotografia. Mi sono detto. E’ notte. Cosa posso creare di così tanto diverso oltre ai classici scatti che si possono effettuare ai monumenti?

Diciamo che in quel momento non è che mi siano balzate alla mente delle idee così brillanti;anzi tutt’altro. E cosa ho fatto allora? Mi sono dedicato soprattutto a cercare delle inquadrature diverse ma ti assicuro che non avevo un’idea così focalizzata sul cosa volevo ottenere,ed è proprio per questo motivo che dedico parecchio tempo allo studio della composizione,anche per allenare la mente ad essere più veloce e intuitiva.

Bene!!! Se ti interessa approfondire questo argomento,puoi cliccare direttamente qui per poter accedere all’articolo.

Ma torniamo a noi!!! Il Teatro delle Muse si trova a circa 200 metri da Piazza del Papa;è il più grande delle Marche e si trova al centro di Ancona nei pressi di uno degli ingressi principali del porto.

Naturalmente non poteva mancare tra i soggetti di questa mia passeggiata anconetana. C’era solamente da capire come poterlo fotografare;per tutto il resto ho dato un’occhiata a Pixabay;un sito davvero molto interessante dove poter scaricare immagini gratis davvero molto belle.

La luna e le stelle infatti le ho prese da lì;ma solo per questa volta visto che ancora nel mio corredo non ho un mega tele obbiettivo e non amo particolarmente uscire la notte per andare a fotografare le stelle. Forse sarà la paura del buio?

Sicuramente non tutti apprezzeranno questo modo di concepire la fotografia anche perchè lo ammetto;ha più a che fare con un immagine costruita e quindi si discosta un pò dalla realtà. Però è anche vero che la fotografia è arte e a volte per poter esprimere al meglio quello che avevamo in mente dobbiamo servirci di altre immagini per poter completare la nostra opera.

Cosa ne pensi? Se ti va fammelo sapere nei commenti.

Alcuni spunti su come sono state realizzate le fotografie

Di sicuro senza questa parte l’articolo non sarebbe stato completo. Ma ora andiamo a parlare un pò del dietro le quinte e di come ho realizzato gli scatti. Come prima cosa ti posso dire che il cavalletto ti sarà indispensabile soprattutto se come me ti ritroverai a fotografare da solo/a. In caso contrario se avrai deciso di andare in piacevole compagnia potrai benissimo dimenticarti il tuo tre piedi a casa.

E quali sono le impostazioni che ho utilizzato per ottenere gli scatti che vedi sopra? Nella maggior parte dei casi ho utilizzato un apertura del diaframma a F3,5 e ISO 1600 che mi ha dato la possibilità di impostare il tempo di scatto ad 1/80 di secondo così da evitare il micro mosso e quindi ottenere delle immagini ferme e senza sbavature.

Per le foto al tramonto e al Teatro delle Muse ho utilizzato invece delle impostazioni un pò diverse da quelle che ti ho appena indicato sopra. Non avendo soggetti in movimento da fotografare ho potuto utilizzare un tempo di scatto molto più lento,un apertura del diaframma a F8 e ISO a 100 così da evitare in ogni modo il rumore digitale e quindi ottenere un immagine molto più pulita in termini di nitidezza.

Ci sono altre cose che potrei dirti? Ah sì!!! Quasi mi stavo per dimenticare. Per la foto della nave dove in primo piano c’è una sorta di obbiettivo sfocato e trasparente ho utilizzato l’involucro di una bottiglia di plastica in modo tale che le luci presenti sulla scena creassero un effetto particolare.

Prima di ottenere lo scatto desiderato ho fatto diversi tentativi e alla fine poi sono riuscito a portare a casa quello che volevo.

E se ancora non ti basta!!!

Di sicuro Ancona ha anche altri posti che sono davvero belli e interessanti da fotografare;ma visto l’orario e soprattutto dopo averlo sperimentato di persona ti posso dire che il momento migliore per poter effettuare delle fotografie al Passetto è l’alba o in quelle giornate particolari dove è possibile creare delle immagini sicuramente molto più interessanti. Per esempio dopo una pioggia (vedi foto sopra).

Seggiola del Papa

Detto questo se vuoi approfondire l’argomento sul Passetto ho creato un articolo ben dettagliato con tante informazioni utili così da poter avere una panoramica molto più completa delle cose che si possono fotografare in questa zona di Ancona. Per l’articolo puoi cliccare direttamente qui.

Ultime considerazioni

Nonostante preferisco luoghi meno affollati ogni tanto scappo in città anche per prendere ispirazione su qualche progetto che mi frulla per la Testa. Non sempre vado alla ricerca di luoghi isolati. Alle volte sento proprio il bisogno di vedere tanto e di sicuro la città rientra in questo aspetto.

E cosa mi porto a casa da questa esperienza? Di sicuro l’aver imparato qualcosa di nuovo ma soprattutto il fatto che per ottenere delle ottime fotografie non bisogna correre,ma al contrario,bisogna avere la capacità di saper rallentare. Che belle parole!!! Ci sono riuscito? Forse in parte,anche se in alcuni momenti avevo una fretta interiore che non ti dico. Mi sembrava di avere Speedy Gonzales dentro di me.

Detto questo non mi rimane che augurarti una buona giornata.

A presto

Francesco

Spero che questo articolo sia stato davvero utile.Se hai qualche domanda scrivimi pure qui sotto nei commenti e farò del mio meglio per risponderti il prima possibile.

Articoli Correlati

Alla scoperta dei 3 sentieri meno battuti del Parco del Conero

Cosa fotografare al Passetto di Ancona:alla scoperta dei luoghi più iconici

Alla scoperta di Portonovo:breve itinerario fotografico dei luoghi più iconici

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi questo post con i tuoi amici